facebook promuoveremusica  instagram promuoveremusica  canale youtube promuovere musica  facebook messenger promuovere musica  linkedin promuoveremusica

envelope Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  | telefono +39 3333701652

× Stai cercando un modo efficace per vendere la tua musica? Cerchi una strada valida per finanziare la tua musica? Parliamone qui.

Organizzare concerti per artisti sconosciuti

13/05/2013 18:07 #245 da Gianluca
Organizzare concerti per artisti sconosciuti è stato creato da Gianluca
Ciao a tutti,
vorrei dare il via alla discussione sulla questione dei concerti per artisti sconosciuti postando uno dei video realizzati durante l'intervista a Pietro Fuccio, fondatore dell'agenzia di booking DNA Concerti



Mi raccontate la vostra esperienza in merito, qualche suggerimento? :dry:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

09/01/2016 08:14 #562 da Mece
secondo me è un bel argomento , che io definirei con
"il gatto che si morde la coda "
Al lato pratico però secondo me non ne vieni fuori.
Per me le case discografiche e le agenzie cercano chi li fa lavorare, cioè cercano chi ha già il pubblico.
Internet è un fuoco di paglia , importante sicuramente esserci, ma alla fine credo che il vero lavoro sia coltivarsi il proprio orticello.
Come disse Ligabue su di una intervista , lui si è reso conto che stava per fare successo e che poteva farlo quando suonava nel bar del suo paese e la gente riempiva il locale fino in strada.
Poi le voci girano e qualcuno si accorge di te e magari ti dà una finestra un pò più grossa.
I talent secondo me sono nati un pò per questo motivo, creare un pubblico ad un artista emergente,ma anche lì secondo me il fatto di doverli sfornare a quantità industriali un tot all'anno crea l'interesse per l'artista a tempo determinato; cioè fintanto che il pubblico del talent non si affeziona al nuovo corso, se in quel tempo combini qualcosa ok altrimenti per me sei già out..cosa tremenda secondo me.
Non sono neanche convinto che chi ha ingenti capitali da mettere ( questo non lo so per certo ,ma ne ho il sospetto) abbia una carta vera in più, conosco gruppi di amici che hanno pagato anche ingenti somme per suonare nei festival , ma i risultati sono stati scarsi e sembra che devi pagare sempre,ma si può pagare sempre per suonare ? la cosa deve avere un termine.
Secondo me è proprio alla vecchia maniera.
Devi farti un pubblico dal basso, dall'osteria al pub, nessuno ti aiuta , lo devi fare tu ogni giorno e in ogni momento.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

12/01/2016 15:08 #566 da Gianluca
Risposta da Gianluca al topic Organizzare concerti per artisti sconosciuti
Uno degli strumenti molto interessanti per suonare nei concerti sono le reti nate dal basso come SofarSound : se hai un repertorio interessante, originale e con un respiro internazionale può essere un buon volano.
Dopodiche partecipare anche a concorsi o festival ti dà la possibilità di approcciare con le esibizioni dal vivo puntando su uno o due brani con il quale intendi farti conoscere, uno di questi ottimi esempi è ConcorsiMusicali

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

13/01/2016 01:44 #567 da Mece
sofarsound , non lo conoscevo .. cavolo sembra molto interessante ! grazie , mi sono appena iscritto .. vediamo :-)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

18/12/2018 04:37 #723 da electricstar
Risposta da electricstar al topic Organizzare concerti per artisti sconosciuti
Personalmente avuto esperienze sia suonando che facendo parte della etichetta indipendente macciosoft multimedia

Io mi rivolgevo ai pub e come tutti mi presentavo con un demo e col cappello in mano ritrovandomi spesso a parlare con individui assai gretti, ma con 2 SUV, che pensavano solo a vendere più birra possibile e con una mentà clientelare e nepotistica per non dire di peggio. Ma non c' è altro da fare, è sempre dal basso che si parte.

Però da quella etichetta sono uscite un paio di formazioni veramente forti come per esempio il gruppo Rockabilly. The Flying Cats che sono entrati nella finale del Pistoia Blues nel 2005 poi hanno suonato in pub a livello regionale e a fare alcune feste di piazza. Trovandosi le date sempre da soli.
E' chiaro che in questo modo non 1 su mille ce la fa ma 1 su un milione....se va bene.
E per "ce la fa", non intendo "sfondare" ma intendo: "guadagnarsi da vivere con la musica".

Parliamo invece della figura dell' organizzatore di eventi live?
Oso affermare che in realtà non sarebbe così difficile organizzare concerti per bands o singoli artisti poco conosciuti se si avesse un po' più di coraggio ed il problema vedi il caro signor Fusco del video sopra, è che quelle faccine che lui fa nel video sono l' emblema del sempiterno oppurtunismo, scetticismo e mancanza di fiducia che caratterizza l' Italia e che preferisce importare artisti dall'estero e far guadagnare loro che dare opportunità a band italiane anche di respiro internazionale, sia per la qualità musicale che esprimono e sia perché scrivono in inglese.
Questa mentalità pottina (si dice dalle mie parti) e radical chic la trovi anche ai livelli più bassi. Una volta un ragazzetto sui 22 anni che gestiva il live in un ARCI pub e che evidentemente si sentiva un esperto mi ha detto che chiamavano gli americani perché sono più bravi! Tu vai a ragionare con gli imbecilli....e non sapete quanti ne esiste di questi

Bene dopo una sana dose di realismo, vediamo con un po' di positività cosa si potrebbe/dovrebbe fare:
Il modo giusto sarebbe per esempio creare eventi in cui suonano più di una band e fortemente brandizzati per esempio creare dei festival per certi tipi di musica che il pubblico già ama come il blues, il Rockabilly o magari il reggae.
Basta fare una ricerchina su internet per individuare band ed artisti veramente bravi ed interessanti.
Il concetto è questo: il pubblico che ama un certo tipo di musica, andrà volentieri ad un concerto di quel tipo.
Il pubblico che ama il Rockabilly va volentieri a sentire uno o più gruppi Rockabilly anche se non li ha mai sentiti nominare. E lo stesso vale per altri stili musicali.
Certo che se la tua band è la brutta copia scipita e italiota dei Nirvana allora, è difficile che tu ti possa guadagnare un pubblico disposto a pagare un ingresso anche basso di 5/6 euro, al pub musicale. In quel caso è già tanto se qualcuno ti fa suonare gratis.

In italia mancano le Agenzie di Spettacolo per la musica live, qualcuna c'è ma sono così impegnate a promuovere le band che hanno già nel roster, che entrarci è una impresa quasi impossibile.
Il punto è che ce ne vorrebbero di più. E vanno create.
Ci vorrebbe che i giovani che amano la musica live di qualità per esempio cercassero di professionalizzarsi, di unirsi in associazioni e dedicarsi a questo settore.
Uno che fa il direttore artistico, tre o quattro che fanno il fonico, alcuni che fanno ufficio stampa e promozione, tre o quatrro che cercano le sponsorizzazioni.
Una volta che hai creato l' associazione vai dal sindaco e cerchi di convincerlo che è meglio spendere 5000/6000 euro per il concerto del 1o maggio coinvolgendo i migliori gruppi della regione, anziche spendere 1 milione di euro per chiamare RON! Che è meglio organizzare un festival annuale di Blues che chiamare gruppi dai balcani!
Ma quello che voglio dire è anche che è inutile lamentarsi se poi nessuno, è disposto a fare questo tipo di lavoro.

Una volta c' era la figura dell' impresario che andava a scovare i talenti, oggi tutti credono di essere artisti e così accade che anche quelli che hanno vero talento, spesso si prendono delle sportellate in faccia perché non c' è tempo per ascoltare tutti.

Ovviamente c'è un dettaglio: io ho usato la espressione "giovani che amano la musica live di qualità" ma anche questo solleva un problema di cultura musicale che negli ultimi 40 anni non ha fatto che abbassarsi e degenerare.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Contatti

Promuovere Musica è l'agenzia di servizi di promozione musicale: ufficio stampa cartaceo ed online, promozione radio e TV, social media marketing per artisti, band ed etichette discografiche.

Siamo nati nel 2011 per aiutare artisti e band ad utilizzare internet ed i nuovi media per promuovere, vendere la propria musica e creare un seguito di fan. 

Indirizzo: Via Pieve Santo Stefano, 26 - 00148 Roma
Telefono: +39 3333701652
Email: promo@promuoveremusica.it
Orari di ufficio: Lun - Ven 10:00 - 19:00

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.